Archivi categoria: Formazione al Diaconato

DISCERNIMENTO AL DIACONATO

La vocazione al diaconato proviene da Dio come avvenimento di grazia che interpella il singolo e, al tempo stesso, la comunità ecclesiale alla quale la vocazione è ordinata. Il discernimento è il processo mediante il quale l’uno e l’altra vagliano i segni di una possibile chiamata e ne riconoscono l’origine. Il discernimento porta a comprendere se la chiamata è riferibile alla volontà di Dio per il cammino di santità del singolo e per il bene della comunità ecclesiale o se, al contrario, nasce da aspirazioni e motivazioni estranee al piano divino.

E’ subito evidente quanto grave sia la responsabilità del discernimento e quanto delicato il suo processo: grave la responsabilità di distinguere quanto si iscrive nel piano di Dio da quanto promana da pretese umane, delicato il processo di lettura ed interpretazione dei segni, di per sé ambigui se presi singolarmente, che vanno colti e composti con intuito, spirito di verità e fiducia.

Possiamo quindi dire che la vocazione, che è dono dello Spirito, si rende riconoscibile soltanto da chi si lascia guidare dallo Spirito di Dio.

  Continua a leggere DISCERNIMENTO AL DIACONATO

Accolitato

In occasione del ritiro di quaresima, svolto Domenica 04 Marzo, della comunità del diaconato, cinque nostri fratelli aspiranti ( Andrea Migani, Marcello Ciampi, Pier Gianni Medaglia, Andrea Pennelli, Marco Defelice) hanno ricevuto il ministero istituito dell’accolitato.  A questi nostri fratelli facciamo gli auguri più sinceri di vivere appieno questo ministero di vicinanza con il Signore. Assicuriamo la nostra preghiera perché, in cammino verso l’ordinazione diaconale, siano più intimi discepoli del Signore Gesù che si è fatto pane spezzato e ha versato il Suo sangue per noi.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Formazione Diaconale

Vengono descritti i criteri di discernimento e le varie tappe dell’iter formativo – di carattere spirituale, teologico e pastorale – verso il conferimento dei ministeri laicali e l’ordinazione diaconale.